Torta di pere e cioccolato

30 ottobre 2014

Da quando la russia ha boicottato l’importazione di frutta e verdura dalla UE, le pere, anche biologiche, sono sempre in offerta qui in Olanda, quindi dovevo approfittarne. E quale combinazione migliore del cioccolato e pere?
Non so però se il titolo sia veramente indicato. Posso ancora chiamare “torta” un dolce fatto senza zucchero, senza farina, senza glutine, senza burro, senza latticini, senza olio, senza uova? O dovrei piuttosto chiamarlo pere cotte al cioccolato? 🙂 non so, ditemi voi.
In ogni caso la cosa importante e’ il gusto e vi assicuro che non ha nulla da invidiare ad una torta tradizionale. Ecco, forse la differenza sta nella consistenza. Infatti non avendo le uova tende a sfaldarsi e non rimane molto compatta. Per adagiarla sui piatti ci vuole sicuramente una certa accortezza, lo ammetto.

Torta_cioccolato_pere_01
Ieri i miei compagni di corso (“herstel en balans”) hanno fatto da cavia. Tutti mi hanno fatto i complimenti! L’unica critica che mi è stata fatta e’ che le manca un po’ di “bite”, manca cioè qualcosa di croccante o consistente. Io mi sono lanciata in questa versione vegana, ma chi non se la sente può sempre sostituire il latte di mandorla con due uova, per garantirne la compattezza. L’altra possibilità potrebbe essere quella di non cuocere l’impasto sotto forma di torta ma in coppette separate da offrire agli ospiti. Oppure farlo diventare il ripieno di una classica crostata. Insomma, come sempre, le possibilità sono svariate.
Una accortezza da usare per rendere questa torta ancora più sana di quanto non sia già e’ quella di non privare le pere e la mela della buccia. Non tanto per le vitamine che le si trovano a diretto contatto e che in ogni caso andrebbero perse con la cottura in forno, ma piuttosto per le fibre che la buccia contiene che aiutano sempre a ridurre l’indice glicemico (cioe’ contribuiscono ad assorbire gli zuccheri della frutta piu’ lentamente). Io consiglio di usare pere biologiche per ridurre anche la quantità di pesticidi che ingeriamo ma se per voi non fa differenza, usate pure pere non biologiche. Sempre meglio cucinare questa torta con pere non biologiche che una torta fatta con farine raffinate e zucchero, questo e’ ovvio. E questo ragionamento riguardo a bio o non bio – contrariamente a quanto ho sempre pensato – vale a maggior ragione se la frutta la mangiamo fresca. Leggevo infatti in un libro sulla dieta kousmine che è meglio mangiare una mela non biologica con la buccia che una biologica senza buccia. Insomma, e’ sempre tutto relativo, ma acquisire consapevolezza e’ un grande passo verso scelte migliori, per noi e per il mondo in generale.
Quando inoltre si dice cioccolato si pensa subito a qualcosa di gudurioso ma anche estremamente dannoso per la nostra salute. Quello che ho imparato recentemente e’ che non è il cioccolato a farci male, ma l’ingente quantità di zucchero e di burro di cacao con cui è prodotto il cioccolato che in linea di massima siamo abituati a mangiare (che e’ cioccolato appunto solo per il 30%). Allora quello che faccio io è comprare il cioccolato Vivani 92% e poi lo combinaro con frutta fresca o secca a volontà fino ad aver raggiunto il giusto equilibrio. Io credo che in questo senso l’esperimento sia proprio riuscito.

Torta_cioccolato_pere_02

Ingredienti:
3 pere (ca. 650g)
1/2 mela grande o 1 mela piccola (ca. 150g)
75g di uvetta sultanina
100g di albicocche secche
170g ca. di nocciole
150ml di latte di mandorla*
35g di cioccolato fondente 92% (5 quadrati del cioccolato Vivani)
1 cucchiaio di cioccolato crudo in polvere
1 cucchiaino di essenza di vaniglia
la buccia grattugiata di 1 arancia

Torta_cioccolato_pere_03

Preparazione:
.tostare le nocciole in forno, 10-12 minuti a 175 gradi
.mettere a bagno l’uvetta in acqua
.pulite le pere e le mele e tagliarle a listarelle sottili (non a pezzettoni quindi)
.farle raffreddare e tritare col robot da cucina (bimby nel mio caso, un magimix andrebbe benissimo)
.estrarne un po’ (20g) e mettere da parte
.aggiungere 2 quadrati (14g) del cioccolato fondente e tritare insieme alle nocciole, poi aggiungere con le lame in movimento le albicocche secche e successivamente il latte di mandorla fino ad ottenere una sorta di crema abbastanza densa
.versare la crema in una scodella e aggiungere l’uvetta scolata, il resto del cioccolato fondente tritato abbastanza fine col coltello, il cioccolato crudo in polvere (io lo faccio polverizzando le fave del cacao), l’essenza di vaniglia e la buccia grattugiata di 1 arancia
.mescolare e incorporare la frutta fresca
.ungere la teglia da forno con poco olio di oliva e versare il composto
.spolverare con le nocciole tritate messe da parte precedentemente
.cuocere in forno a 175 gradi per 55 minuti (nel caso in cui l’impasto fosse fatto con le uova, diminuirei il tempo di cottura a 35-40 minuti)

Vorrei fare presente che per quanto questa torta sia fatta praticamente solo di frutta, fresca e secca, rimane sempre un dolce. Lo zucchero e’ zucchero anche nella sua forma più naturale, quindi non bisogna abusarne. Inoltre le nocciole hanno si’ grassi buoni ma hanno anche una alta densità calorica e per questo non possiamo mangiarne a volontà. Ecco giusto per chiarire. Detto questo, credo fermamente che se questi fossero i dolci che la maggior parte delle persone consuma giornalmente, l’incidenza di malattie cronico-degenerative diminuirebbe di molto. Secondo me anche Berrino approverebbe :-).

Torta_cioccolato_pere_04

Tempo 1 ora circa

Difficolta’ bassissima

Prevenzione e dieta DIANA Se volete saperne di più sulla dieta consigliata da Cascina Rosa (Istituto Nazionale dei Tumori di Milano) a donne che hanno avuto il cancro al seno cliccate qui. Questa dieta e’ in ogni caso indicata per tutte le persone che vogliono adottare uno stile di vita piu’ salutare che li aiuti a prevenire il cancro e altre malattie degenerative.

bye-bye salsiccia e’ anche su Facebook e molto attivo su Instagram, se avete bisogno di un po’ di ispirazione e volete tenervi aggiornati seguitemi e diffondete la voce, grazie! 🙂

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply