Lettere di cioccolata dolci senza zucchero

5 Dicembre 2014

 

Il 5 di Dicembre e’ alle spalle. E per fortuna! Il giorno dopo mi sono sentita veramente una sopravvissuta… organizzare regali, poesie in rima, travestimenti, cena e dolcetti vari… per 8 adulti e 4 bambini, non e’ cosa da poco! Soprattutto se il giorno prima si lavora tutto il giorno. Quindi I preparativi erano iniziati in segreto qualche sere prima, proprio con questi biscotti ricoperti di cioccolata. Infatti secondo la tradizione olandese, Santa Claus il 5 di Dicembre porta regali e dolciumi. Tra questi le famose pepernoten e delle gigantesche lettere di cioccolata! Avevo inziato per tempo a preparare le pepernoten, ma dovevo trovare una alternativa a quelle lettere di produzione industriale che si chiamano appunto “chocolade letters”, ma che di cioccolata ne contengono veramente poca! Ecco quindi l’idea di fare dei biscottini e ricoprirli di cioccolata. Per ogni invitato, l’iniziale del suo nome. Ottimo esercizio grammaticale anche per I piu’ piccoli :-).

01_chocoletters2
Queste lettere le ho fatte in realta’ anche per un’altra persona, che non era tra noi quel giorno, che non conosco di persona, ma che mi sembra di conoscere abbastanza bene da un anno a questa parte. L’ho gia’ nominata diverse volte, perche’ il suo blog oramai e’ diventato per me un punto di riferimento. Si tratta di Ivy, che ho conosciuto digitalmente tramite Dolce Senza Zucchero. Avrei tanto voluto conoscerla personalmente in uno dei suoi workshop in Toscana… ma la distanza me lo ha impedito. Per questo non ho perso tempo e l’ho invitata ad organizzare un workshop qui a Rotterdam che si svolgera’ molto probabilmente alla fine di Aprile (vi terro’ aggiornati!). Lei a sua volta mi aveva chiesto un po’ di tempo fa se avessi voglia di raccontare la mia storia e di ideare una ricetta per il suo blog. Io ovviamente non potevo che accettare con gioia.
Quando piu’ di un anno e mezzo fa iniziai a fare ricerca riguardo alla relazione tra cancro (al seno in particolare) e alimentazione, la prima cosa che capii e’ l’importanza di mantenere I valori della glicemia nel nostro sangue costanti e possibilmente bassi. Questo perche’ se mangiamo alimenti che fanno alzare la glicemia molto in fretta (alimenti quindi con un indice glicemico alto) il nostro pancreas produce insulina per regolarizzare il livello degli zuccheri. Questo processo fa si’ abbassare la glicemia (a tal punto da entrare in una situazione di ipo-glicemia, cioe’ di fame!), ma allo stesso tempo stimola l’ormone della crescita (IGF), ovvero stimola la crescita di “cellule buone”, ma anche di “cellule cattive”. Per questa ragione mantenere la glicemia a livelli medio-bassi e’ cosi’ importante per tutti, certamente, ma soprattutto per persone come me, che hanno avuto il cancro e che potrebbero avere ancora qualche cellulina cattiva in giro. E sicuramente questo discorso vale anche per chi il cancro ce l’ha, perche’ il processo con cui le cellule tumorali producono energia e’ molto meno efficiente di quello delle cellule sane, richiedendo infatti 20 volte in piu’ di zucchero. Mettersi quindi a dieta significa mettere il cancro a dieta, il che’ non e’ detto significhi guarire ma probabilmente… guadagnare del tempo in piu’.
Consiglio quindi a tutti di dare un occhio al blog di Ivy, che tratta di cucina naturale a basso indice glicemico, e questo non solo per leggere la ricetta di queste lettere di cioccolata e la storia che le accompagna. Sono certa che li’ troverete ricette per I vostri gusti o necessita’ che vi faranno venire l’acquolina in bocca! Non tutte le ricette che lei propone sono adatte alla quotidianita’ di donne che abbiano avuto il cancro al seno. Parlo di quelle ricette a base di uova, carne o formaggi, ovvero quelle proteine che e’ cosi’ importante ridurre. Tuttavia da lei ho imparato tanto, soprattutto grazie ai pdf che mette a disposizione sul concetto di indice glicemico in relazione ai diversi alimenti e visto alla luce di una alimentazione il piu’ possibile naturale. Questo credo che sia il grande valore aggiunto del suo sito. Ci aiuta ad allargare la nostra conoscenza, aiutandoci cosi’ a prendere consapevolezza del mondo in cui viviamo e di noi stessi.
E ovviamente c’e’ qualcosa che ci accomuna. Entrambe abbiamo una storia alla spalle ed abbiamo scelto questa via per contribuire al mantenimento della nostra salute e abbiamo deciso di condividerla, sperando che questo abbia un grande valore anche per altre persone. La nostra storia ci porta su strade che a volte si incontrano e a volte si allontanano. Ma dopotutto sono convinta che ognuno di noi abbia un percorso da fare per contribuire alla propria salute e che questo percorso sia assolutamente personale. Con questo voglio stimolarvi a fare ricerca, a non fermarvi a quello che abbiamo da dirvi noi, ma di cercare di andare sempre oltre per capire quello che’ e’ veramente meglio per voi. Sicuramente a noi fa piacere la compagnia, ma non pensate di doverci seguire ovunque andiamo. Puo’ essere che per stare bene con anima e corpo il vostro percorso ogni tanto si separi dal nostro per poi eventualmente tornare a ricongiungersi. In ogni caso noi siamo qui per affiancarvi in questo viaggio verso una alimentazione piu’ consapevole ma soprattutto una vita piu’ serena. Non posso che concludere augurando un buon viaggio a tutti :-)…

01_chocoletters3

 

Prevenzione e dieta DIANA Se volete saperne di più sulla dieta consigliata da Cascina Rosa (Istituto Nazionale dei Tumori di Milano) a donne che hanno avuto il cancro al seno cliccate qui. Questa dieta e’ in ogni caso indicata per tutte le persone che vogliono adottare uno stile di vita piu’ salutare che li aiuti a prevenire il cancro e altre malattie degenerative.

 

bye-bye salsiccia e’ anche su Facebook e molto attivo su Instagram, se avete bisogno di un po’ di ispirazione e volete tenervi aggiornati seguitemi e diffondete la voce, grazie! 🙂

 

 

2 replies
    • Fabiana Toni says:

      E’ stato un piacere! Immagino vedro’ la tua casetta sul sito… non vedo l’ora!! Un abbraccio anche a te ed un saluto da… Maranello :-). Ciao!

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply