Cozze gratinate

23 luglio 2014

Siamo in vacanza, al mare e con la nonna. Due condizioni per cui mi risulta impossibile non interrompere la mia dieta vegana. Qui il pesce si compra la mattina dai pescatori appena tornati dal largo, quindi è tutta un’altra cosa rispetto a quello che si trova in città! Poi c’è la nonna, l’esperta in materia, quindi… non potevo non approfittarne. Dopotutto un po’ di pesce ogni tanto e’ ammesso anche dalla dieta DIANA, portata avanti dall’Istituto dei Tumori di Milano per donne che hanno avuto il cancro al seno. Io ho paura che in questi giorni lo stia mangiando un po’ più di “qualche volta”, ma che ci devo fare… e’ vacanza!

byebyesalsiccia_cozze_01
Questa mattina ci siamo svegliati tutti presto quindi siamo andati insieme in perlustrazione. In realtà c’era poco da perlustrare perché la notte scorsa c’è stato un temporale e le barche non erano neanche uscite, quindi siamo andati a comprare cozze e vongole in un magazzino che si trova sempre vicinissimo a dove soggiorniamo. E per fortuna siamo riusciti a comprare quelle perché dopo poco si è messo a diluviare. Avremmo voluto fare una passeggiata ma ci abbiamo rinunciato.

byebyesalsiccia_cozze_02

E che si fa quando piove al mare? Si cucina e si mangia, ovviamente! Le cozze e le vongole sono buonissime così, buttate in padella, con un filo d’olio, un po’ d’aglio e di prezzemolo. Ma avendo tempo appunto, la Nonna ha pensato bene di fare le cozze gratinate… Uhm, buonissime! Anche questa e’ una ricetta apparentemente semplicissima. Apparentemente perché in realtà aprire le cozze… Non è affatto scontato! La nonna mi ha mostrato come si fa ed ho deciso di condividerlo.

Ingredienti:
1 kg di cozze
1 panino vecchio (meglio integrale)
1 manciata di prezzemolo
4 spicchi di aglio piccoli (o 2 grossi)
olio extra vergine di oliva q.b. (meglio spremuto a freddo)

Procedimento:
.grattugiare il pane secco
.tritare aglio e prezzemolo
.mischiare pane, aglio, prezzemolo e aggiungere un po’ di olio di oliva (noi ne avremo usati più o meno tre cucchiai)
.aprire le cozze, in questo modo:

byebyesalsiccia_cozze_03

Come prima cosa dovete identificare “il verso”. Se osservate attentamente la geometria della cozza noterete che uno dei lati lunghi e’ rettilineo mentre l’altro e’ convesso (1). E’ importante capire questo perché è necessario fare pressione sulla cozza premendo il suo guscio verso il lato rettilineo (2) per riuscire poi a inserire il coltello (3) tra i due gusci. Quello superiore dovrebbe slittare rispetto a quello inferiore ed il coltello dovrebbe essere a punta. Uno arrotondato come quello che avevamo a disposizione può andare bene lo stesso.

byebyesalsiccia_cozze_04

Una volta inserito bisogna farlo girare intorno al perimetro della cozza portandolo dall’altro lato e tenendo sempre la punta verso l’alto (4). Questo ovviamente per mantenere la cozza intatta. A questo punto si deve far tornare indietro il coltello al punto iniziale (5) e si può aprire la cozza (6) eliminando il guscio in eccesso.

byebyesalsiccia_cozze_05-2

.disporre le cozze in un piatto che oltre alle cozze raccolga anche la loro acqua (non si butta mai via niente!!)
.disporle successivamente su una teglia coperta con carta da forno
.bagnare il pangrattato con un po’ di acqua delle cozze (così si può evitare di usare il sale)
.coprire le cozze col pangrattato condito
.mettere in forno (grill) alla temperatura massima per 5 minuti

byebyesalsiccia_cozze_06

 

Tempo 30 minuti circa di preparazione, 5 minuti di cottura

Difficolta’ bassa

Prevenzione e dieta DIANA Se volete saperne di più sulla dieta consigliata da Cascina Rosa (Istituto Nazionale dei Tumori di Milano) a donne che hanno avuto il cancro al seno cliccate qui. Questa dieta e’ in ogni caso indicata per tutte le persone che vogliono adottare uno stile di vita piu’ salutare che li aiuti a prevenire il cancro e altre malattie degenerative.

bye-bye salsiccia e’ anche su Facebook e molto attivo su Instagram, se avete bisogno di un po’ di ispirazione e volete tenervi aggiornati seguitemi e diffondete la voce, grazie! 🙂

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply